14.10.2016

Il caso Gaudì (parte I)

Riflessione di Zeno Delaini su Antoni Gaudì e la sua opera in occasione della recente pubblicazione del libro “Gaudì. L'uomo, l'artista, il cristiano” scritto dal cardinale Lluis Martinez Sistach, arcivescovo di Barcellona, ed edito dalla Libreria Editrice Vaticana.
[ www.libreriadelsanto.it ]

"Un libro, un processo, un cantiere. Lo spunto per una riflessione circa il rapporto tra valori di riferimento e creatività in architettura ci arriva dalla recente pubblicazione del testo “Gaudì. L'uomo, l'artista, il cristiano”, edito da Libreria Editrice Vaticana, il cui autore è il cardinale Lluis Martinez Sistach, arcivescovo di Barcellona. Il libro esce, non a caso, proprio mentre è in corso il processo di beatificazione per l'architetto catalano e con l'eco, ancora forte, dell'annuncio di chiusura del cantiere della Sagrada Familia, previsto per il 2026, anno del centenario della sua morte.

Il cardinale Martinez sottolinea, e non potrebbe essere altrimenti, come la fervente fede e la visione cristiana di Gaudì ne abbiano influenzato l'opera e come, quest'opera, non sia solo una realizzazione architettonica ma una vera e propria opera di evangelizzazione. Così scrive l'arcivescovo in un passaggio del libro:-“Desidero evidenziare, soprattutto, che l'architetto della Sagrada Família fu, da laico cristiano, un autentico evangelizzatore sia attraverso l'esempio della sua vita, che della sua professione. Coronava tutti gli edifici che progettava con un simbolo religioso, generalmente la croce a quattro bracci, a dimostrare ai quattro venti il valore salvifico della santa croce.”

Ma non è questa la sede, e non siamo noi gli attori preposti a questo compito pur condividendone la visione, per divulgarne l'appartenenza alla cristianità, in tutte le sue declinazioni; piuttosto vorremmo porre l'attenzione sulla capacità creativa, innovativa e interpretativa che ha saputo esprimere rimanendo ancorato a valori di riferimento precisi, a radici certe e condivise.
In un'epoca in cui i riferimenti vanno dissolvendosi, in nome di una libertà di espressione dell'individuo svincolato da qualsivoglia matrice, quasi come se queste ultime fossero un peso di cui sbarazzarsi, Gaudì appare come un esempio di totale realizzazione del sé, attraverso una scelta di vita diametralmente opposta. Ciò che ci interessa è il mezzo con cui ha portato a compimento la sua realizzazione: l'Architettura."

Zeno Delaini
[ bottegadellaparola.com ]

Immagini: 1 di 1

torna all'elenco dei contenuti indietro